Come capire se si soffre di Depressione

Depressione arezzo

Quando si può parlare di depressione?

Chi di voi non si è sentito triste almeno una volta nella propria vita?

Di solito si tratta di sensazioni temporanee, che tendono a scomparire in breve tempo, massimo qualche giorno e si torna carichi e sorridenti.

Quando questa intensa malinconia altera la qualità della vita, per un lungo periodo di tempo, non si tratta più di semplice tristezza, ma di Disturbo psicologico, che prende il nome di Depressione.

La depressione è un disturbo dell’umore, che può trasformarsi in patologia cronica, se non trattata in modo adeguato. È bene non sottovalutarla!

Secondo i dati riportati dall’OMS, la depressione è la principale causa di disabilità in Occidente.
La maggior parte delle persone che soffrono di questo disturbo chiede aiuto ad uno Psicoterapeuta, per sentirsi meglio.

Quante forme di Depressione esistono?

Vediamo insieme brevemente quali sono le forme di depressione più comuni.

  • Depressione Maggiore: si tratta di una forma invalidante che interferisce con alcune capacità dell’individuo, come lavorare, studiare, dormire, etc. L’episodio può manifestarsi sia singolarmente, una sola volta nella vita, che ricorrere più volte in un arco di tempo prolungato.
  • Distimia: in questo caso la sintomatologia è meno intensa della precedente, ma comunque limitante per il paziente che avverte un generale stato di malessere psicofisico.
  • Depressione post partum: viene diagnosticata quando la neo-mamma vive un forte stato depressivo durante il mese successivo al parto. Secondo le ultime ricerche circa il 15% delle donne, in Italia, soffre di depressione post parto.
  • Depressione psicotica si ha quando il disturbo depressivo è accompagnato da allucinazioni, manie, o altri disturbi psicotici.
  • Depressione bipolare: È caratterizzata da sbalzi d’umore ciclici, per cui il paziente passa dall’euforia, alla tristezza più profonda. Risulta essere meno frequente delle precedenti.

Quali sono le cause principali della Depressione?

Ad oggi non si può parlare di una causa specifica. La depressione è una malattia multifattoriale, quindi può essere provocata da un insieme di fattori concomitanti di natura genetica, ambientale, biologica o chimica.

Di solito il disturbo viene scatenato da un evento improvviso, o destabilizzante, come un lutto, una separazione, un tracollo finanziario, una grave malattia, etc.

Fattori di rischio

Oggi la depressione è una delle malattie più comuni, ne soffre circa il 10% della popolazione.

Nessuno è immune!

Solitamente compare prima dei 30 anni, ma di fatto può manifestarsi a qualsiasi età, dai bambini agli anziani. Sembra colpire maggiormente il sesso femminile in relazione allo stato ormonale del soggetto.

Sintomatologia e cura

Durante un episodio o un periodo depressivo, il paziente avverte una serie di sintomi, che possiamo riassumere nei seguenti punti:

  • Tristezza e forte senso di infelicità.
  • Momenti di rabbia o insoddisfazione.
  • Disinteresse per qualsiasi tipo di attività.
  • Insonnia
  • Stanchezza eccessiva
  • Mancanza di appetito
  • Agitazione
  • Sensi di colpa
  • Frequenti pensieri di morte
  • Difficoltà di concentrazione

Per molti pazienti, questa sintomatologia è talmente grave che appare ovvio che qualcosa non va. Altri invece si sentono infelici da quando sono piccoli, senza sapere bene il perché.

In questi casi è necessario aiutare gradualmente il soggetto a riprendere le proprie attività, e ad intraprendere un percorso terapeutico adeguato. Lo Psicologo o lo Psicoterapeuta è in grado di fornire gli strumenti giusti per affrontare, ma soprattutto superare questo tipo di disagio.

Il percorso terapeutico stimola il paziente a riprendere gradualmente le attività che sono state abbandonate, ricominciando da quelle più piccole e soprattutto più piacevoli; a sviluppare comportamenti più funzionali ed a pensare in modo più equilibrato.

È necessario imparare ad osservare le proprie emozioni, a valutare se sono corrispondenti agli eventi che si vivono e limitarsi ad ascoltare le sensazioni negative, senza farsi travolgere.

A volte si desidera scomparire, ma tutto quello che si vuole veramente è ESSERE TROVATO!

Dott. Stefano Benci
Psicologo e Psicoterapeuta Arezzo


Ambiti di intervento

  • PSICOTERAPIA E CONSULENZA PSICOLOGICA RIVOLTA ALL'INDIVIDUO, ALLA COPPIA E ALLA FAMIGLIA
  • DISTURBI D’ANSIA
  • DISTURBI DELL’UMORE
  • DISTURBO DI PERSONALITÀ
  • DIFFICOLTÀ RELAZIONALI
  • GESTIONE DELLO STRESS
  • TERAPIA DI COPPIA
  • PSICOLOGIA DEL LAVORO
  • PSICOLOGIA GIURIDICA

Dott. Stefano Benci - Psicologo e Psicoterapeuta a Arezzo

Sede: via Pietro Calamandrei, 137 - Arezzo

declino responsabilità | privacy | codice deontologico

bencistefano@alice.it

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dott. Stefano Benci.

www.Psicologi-Italia.it

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.